Un artista che punta sulle emozioni trasferite pennellata dopo pennellata. Ogni sua opera si trasforma così in una finestra da cui ammirare un panorama sempre diverso. Le terre iblee, i campi di grano dorato e il casolare di campagna che ricorda i giochi dei bambini nell’aia, tra i colori a volte decisi ed altre tenui della vegetazione circostante. Chi si trova ad osservare un’opera del ragusano Pino Larosa, entra a far parte dell’ambiente rappresentato come se lo stesse vivendo in quell’istante. La suggestione creata permette all’osservatore di sentire i profumi dei fiori di campo e ascoltare gli uccellini che cantano sugli alberi. Una sorta di sogno reale che fa tornare bambini e quasi si può udire, tra le urla allegre degli amici, la voce della mamma che richiama a casa i figli per la cena. È uno degli artisti di “Punti di Vista Tour” ed aderisce al centro di aggregazione culturale di Ragusa. Pino Larosa utilizza i colori sapientemente, facendosi guidare dall’istinto ma sempre con la consapevolezza dell’esperienza e della preparazione artistica che è alla base del risultato eccellente che ogni opera creata porta con se. Un misto tra tecnica, emozione e spontaneità. Un artista che dipinge scene di natura in cui la natura stessa è protagonista attiva dell’opera. Giochi di luci e ombre che fanno risaltare le forme rendendole tridimensionali e creando una sensazione di movimento come se le foglie degli alberi danzassero al ritmo della brezza mattutina tra gioia e tristezza che di volta in volta si alternano a sensazioni di grande energia e serenità. Pino Larosa si rivela un pittore di grande professionalità che nulla toglie alle emozioni ma anzi le accentua entrando in contatto con la parte più profonda dell’osservatore.

 

2