Situato a due passi dal Duomo di Milano, lo storico locale Peck, fondato nel 1883 da Francesco Peck, commerciante al dettaglio di salumi e carni, è divenuto negli anni punto di riferimento dell’enogastronomia e della ristorazione italiana portando avanti una tradizione culinaria di ben 131 anni. Un negozio, un ristorante gourmet, un catering che rappresenta l’eccellenza. Un marchio che negli anni ha accumulato stima e prestigio e che ambisce oggi a diventare l’icona della cucina italiana nel mondo. Peck è infatti presente in diverse città internazionali, oltre che in Giappone, Singapore, Taiwan e Corea del Sud, di recente un ultimo punto vendita è stato aperto a Seoul. Quest’ultimo, che si sviluppa su una superficie di circa 900 m2, è stato progettato dalla squadra di architetti milanesi Scandurra Studio e rappresenta il primo di una serie di concept store che lo studio ha intenzione di realizzare in diversi paesi del mondo. Una macelleria, una salumeria, un affinatore di formaggi, un pastifico artigianale, una gastronomia, una pasticceria, una gelateria e per concludere una cantina con più di 3000 etichette tutte concentrate in un unico locale. Lo studio Scandurra, nel progettare il nuovo punto vendita non si è dedicato unicamente allo sviluppo architettonico della struttura, ma ha impostato un manuale di immagine coordinata che, da un lato mostra l’identità di Peck attraverso il racconto della cultura gastronomica italiana come segno assoluto di riconoscimento del marchio e dall’altro punta sui codici locali del paese ospite che saranno quindi diversi di volta in volta. Sinonimo di eccellenza, qualità e prestigio, il food concept, dona così una veste nuova al settore ristorativo del terzo millennio. Il progetto si basa infatti su una caratteristica fondamentale: la trasparenza nella relazione tra cliente e venditore. Non a caso, le aree di consumo e vendita sono studiate in maniera da evidenziare l’alto livello qualitativo messo a disposizione di ciascun frequentatore. Grazie all’istallazione di un’area scenica all’interno dello store tutto viene fatto in diretta: dalla preparazione delle pietanze alla vendita dei prodotti. È cosi, ad esempio che il Parmigiano Reggiano servito al banco formaggi è lo stesso che viene grattugiato sul piatto al momento o che insaporisce il ripieno dei tortellini. Preparazione, consumo e vendita raccolte in un unico spazio suddiviso per aree dedicate: frutta e verdura, degustazione e consumo e zona caffè e dolci. All’interno del negozio è inoltre presente un corner informativo e formativo che insegna la cultura del cibo italiano e mostra le qualità di ciascun prodotto del marchio. Un lusso a 360° che si ritrova non solo nei prodotti e nelle preparazioni ma anche nella scelta dei materiali d’arredo (legno, ottone, vetri curvi, ceramica smaltata, pietre lavorate e assemblate), nelle tecniche costruttive tipiche della tradizione milanese di inizio novecento e nelle procedure artigianali implementate. Il Made in Italy, ancora una volta, è sinonimo di qualità e distintività nel mondo.

0