Nei ranghi degli strumenti legati al mondo dell’arte è nata una nuova applicazione che si chiama Magnus!

Semplicissima da usare! L’utente ha solo bisogno di puntare il proprio smartphone verso una qualsiasi opera d’arte esposta in una galleria o museo e subito una pletora di informazioni diventa disponibile sul proprio dispositivo: titolo, nome dell’artistadimensioni sono elencati. Ma la cosa più importante di quest’App di ultima generazione è che mostra l’ultimo prezzo dell’opera visualizzata sul mercato, sia nelle aste che nelle gallerie. Il cervello dietro questo nuovo strumento è l’imprenditore trentunenne M. Resch, meglio conosciuto per essere il co-fondatore di Larry’s list, un database di collezionisti di arte contemporanea e per la sua onesta ma brutale denunci  letteraria sull’inefficienza nella gestione delle gallerie d’arte.

Resch e il suo team hanno lavorato su Magnus dal 2013. Un lungo periodo a causa, in parte, dell’enorme database che l’applicazione richiedeva. Al momento, Magnus vanta il riconoscimento di oltre 8.000.000 di opere d’arte: un risultato impressionante che non potrà che crescere. L’unica sfida che Magnus deve affrontare sono i video, attualmente non riconosciuti dallo strumento, ma Resch racconta che Amazon, Google e molti altri stanno lavorando sulla tecnologia di riconoscimento delle immagini. Quindi è solo una questione di tempo. Sembra che l’intero settore dell’arte sia d’accordo con Resch e abbracci Magnus e il suo enorme archivio…

2