Se è vero che la vita è un viaggio e che chi viaggia vive due volte… beh direi che non ci resta che scegliere una meta e partire. Dai viaggi culturali a quelli enogastronomici, da quelli per lavoro a quelli per diletto, negli ultimi anni ad avere la meglio sono i viaggi organizzati per assistere, partecipare e vivere dal vivo l’emozione di un concerto, una gara sportiva, una rappresentazione teatrale o qualsiasi altro evento unico al quale non partecipare significherebbe perdere un’occasione irripetibile, perché d’altronde si sa: “Esserci è il valore che fa la differenza”. Alloggi carissimi o camping ed ostelli economicamente convenienti ma spesso lontani dalle location e privi di servizi non sono più un problema. Nasce Nearby Hostel, un progetto di tre ragazzi croati, frequentatori di grandi happening estivi, eventi e concerti musicali, stanchi di dormire poco, male e al freddo nelle classiche tende. Un’idea nata da un’esigenza reale, studiata non solo per ovviare alle elevate spese di hotel e B&B ma anche per dare il via ad uno nuovo modo di vivere il pernottamento in ostello da sempre considerato un alloggio di seconda categoria. Naerby stravolge completamente questa idea offrendone una concezione moderna. Un comodo rifugio provvisto di un meccanismo che consente di triplicare, in caso di necessità, le sue dimensioni. L’ostello mobile funziona in tutto e per tutto autonomamente: la sala macchine è, infatti, equipaggiata con generatore, sistema di climatizzazione, serbatoi dell’acqua pulita e delle acque reflue.Un ostello progettato in modo da rendere gli spazi più confortevoli possibili, tavoli e letti pieghevoli e ribaltabili che occupano il minimo spazio offrendo al tempo stesso comodità e massima praticità di utilizzo. Un container viaggiante su ruote, caratterizzato da una struttura modulare trasportabile di 33 metri quadri che in meno di mezzora è in grado di trasformarsi in un luogo dove poter passare la notte. 9 camere, 26 posti letto, servizi igienici e docce intelligenti, letti confortevoli, sistemi eco-friendly e ancora camere dotate di TV, frigo e Wifi. Il giovane team composto da Ivan Malić (ingegnere), Mihovil Grgurić, Tin Vidović e Vedrana Knez (designers) ha già lanciato una campagna di crowdfunding su Indiegogo così da racimolare quante più risorse possibili per la realizzazione finale del prototipo. In attesa della concretizzazione del progetto sono già molti gli organizzatori di festival europei che hanno prenotato l’ostello itinerante durante alcuni eventi che si svolgeranno nei primi mesi del 2017, tra questi: l’Ultra Music Europer e il Fresh Island Festival in Croazia, L’Exit Festival in Serbia, l’Ozora e il Sxiget Festival in Ungheria.

3