Senza tempo. Eleganza e invenzione. Impronte indelebili di un vicino passato. Icone che non moriranno mai. Storie di oggetti che hanno fatto la storia.

E5
Il progetto che ha rivoluzionato il modo di concepire la cucina in Italia. Prospetto pulito, zoccolo estraibile, gola continua in acciaio, cassetti interni alle basi: l’essenza del design per cultori dell’eccellenza. Un pezzo di storia disegnato da Marco Zanuso nel 1965 per Elam system. Un capolavoro che ci permette di sognare il futuro senza perdere la rotta. Libertà formale, rigore geometrico e funzionalità. Primo esempio di cucina su misura. Composizioni di perizia artigianale e visione industriale che, da quel momento, costituirono il perno intorno a cui ruotò il marchio Elam.

PANTON CHAIR
Figlio di un oste, Panton scelse di studiare architettura ed ebbe la possibilità di collaborare con uno degli esponenti più in vista del design danese: Arne Jacobsen. Si ispirò a questi anni per iniziare una sperimentazione ricca di fantasia ed immaginazione che lo portò ad elaborare la prima sedia composta da un unico pezzo mai esistita. La Panton chair in plastica fu presentata al pubblico nel 1962 e durante gli anni successivi fu rielaborata fino a diventare la prima sedia ad essere realizzata con un unico materiale – la plastica Baydur – attraverso la stampa a iniezione.

SELECTA
Primo sistema italiano a spalla portante per arredare la casa. Ideato nel 1978 dalla casa produttrice Lema, è caratterizzato dall’estrema versatilità. Partendo da elementi semplici, propone numerose varianti delle finiture: 41 colori opachi, 17 colori lucidi e due legni, rovere carbone e rovere tabacco, per assecondare e valorizzare contemporaneamente qualsiasi contesto di arredo. Tra le soluzioni tecnologiche più recenti, un sistema per la gestione di tutta l’attrezzatura multimediale che risolve il problema di nascondere completamente gli antiestetici cavi e un’anta scorrevole che offre la possibilità di dissimulare la presenza del televisore nell’arredo.

KAIVO
Audaci i motivi astratti usati da Maija Isola per i suoi tessuti. Sono considerati eleganti e all’avanguardia. Le creazioni della designer finlandese sono state esposte da Parigi fino agli Stati Uniti. Ispirata dall’arte africana prima e da quella slovacca poi, Isola utilizzava un’ampia gamma di motivi, da quelli floreali a quelli geometrici. Kaivo riflette il trend artistico contemporaneo che fu determinante per dare una nuova direzione al design finlandese e fu il punto di partenza per influenzare quello mondiale.

HARP CHAIR
Costituita solamente da due componenti in legno di frassino incastrate fra loro, la sedia è modellata per somigliare alla prua stilizzata di una nave vichinga, segno distintivo della cultura danese. L’opera, che nasce nel periodo in cui la Danimarca si afferma nel campo del design moderno, è stata realizzata per Christensen & Larsen nel 1968 per Hovelskov. Per realizzare la seduta, l’architetto si è servito di gomene, le cime di canapa utilizzate per l’ormeggio delle imbarcazioni. Il risultato di questa contaminazione è una sedia incredibilmente comoda.

 

0