L’antico percorso di comunicazione tra Ragusa e Ibla sarà nuovamente fruibile grazie al progetto di riqualificazione, finanziato dal Comune di Ragusa, a cura di ESArchitetti

Il progetto

“L’intervento – ha spiegato l’architetto Salvatore Digrandi – mira alla riqualificazione, valorizzazione e tutela del tratto che collega via Carlo Alberto Dalla Chiesa con Largo San Paolo.

“Attraverso un’armonizzazione architettonica l’intervento punta alla creazione di un parco urbano, promuovendo il turismo ambientale ed il senso civico ed ecologico della comunità locale.

Obiettivo è salvaguardare il contesto di riferimento e creare un percorso, immerso nella natura, in cui si possono comprendere le più antiche origini di Ragusa.

In quella che una volta era l’antica via di comunicazione tra Ragusa Superiore e Ibla sono ancora visibili, infatti, tombe preistoriche, latomie, abitazioni rupestri, mulini”.

“Siamo felici di contribuire al recupero di questa passeggiata tra i due centri storici”, spiega Digrandi che, insieme all’architetto Eloisa Mazza ed all’architetto Ambra Tumino nel 2017 ha formato lo studio ESArchitetti.

La Vallata Santa Domenica

Il progetto promosso dal Comune di Ragusa è finanziato dalla Legge su Ibla ed inserito nel piano di spesa del 2018. Le opere riguardano la riapertura del percorso pedonale, il rifacimento delle staccionate, il ripristino dell’illuminazione e dei muretti a secco.

L’intervento è parte del più ampio progetto di riqualificazione della Vallata, nel contesto dell’Ecomuseo Carat

I lavori sono stati consegnati all’impresa Garofalo di Modica (per l’importo di € 25.468 con il ribasso del 30% su una base d’asta di € 34.931) che avrà 40 giorni per eseguirli.

Dai sentieri riqualificati dal centro superiore si raggiunge in pochi minuti Largo San Paolo dove, all’inizio del prossimo anno, partiranno i lavori al parcheggio.

La visione su quest’area è però ancora più ampia e comprenderà la suggestiva stazione della metropolitana di superficie “Carmine”, collegata con un sistema di ascensori dentro le latomie. 

0